In precedenza abbiamo spiegato cos’è, ora vi spiegheremo come fare social media marketing in maniera vincente.

La differenza principale con i canali di comunicazione tradizionali è che sui social si può conoscere meglio il proprio target, dunque è importante imparare ad ascoltare più di quanto si vorrebbe parlare. Solo così si possono creare contenuti per dare il via a conversazioni che aggiungono valore e non rumore per l’esperienza dell’utente.

Una linea editoriale altamente focalizzata sul proprio pubblico ha più possibilità di successo rispetto a una strategia generalista di ampio respiro che tenta di abbracciare tante cose per molti tipi di persone. Per questo la qualità batte la quantità.

Questa fidelizzazione non avviene in una notte ma è il frutto di un impegno a lungo termine, per raggiungere picchi di visibilità altissimi con i giusti tempi. Dare considerazione significa anche pianificare attività che possano ricompensare chi ha deciso di entrare in contatto con te, attraverso piccole gratificazioni o Contest.

A grandi linee, l’attività social si divide in due:

  • La parte analitica legata al raggiungimento degli obiettivi di marketing specifici dell’azienda;
  • La parte creativa focalizzata più sul branding.

Nell’analisi delle attività è utile considerare le piattaforme su cui il target di riferimento è presente, e selezionare con cura le metriche determinanti per valutare i risultati.

La comunicazione social va pianificata tenendo conto che nell’esperienza dell’utente sono i contenuti dei suoi contatti ad occupare prevalentemente la newsfeed e risulta necessario allontanarsi dagli stili istituzionali sviluppati sugli altri media. Per quanto ciascuno abbia queste capacità possono in misura diversa, la strutturazione minima del team deve prevedere almeno due figure che possano seguire ciascuna fase in maniera efficiente.

È fondamentale conoscere le differenze tra le piattaforme e individuare le migliori per fare social media marketing in maniera vincente

Oltre a saper sfruttare al meglio le potenzialità di ogni canale, un Social Media Strategist padroneggia alla perfezione tutte le metriche per valutare i risultati delle attività. A livello strategico è fondamentale conoscere gli influencer nel mercato di riferimento, saper costruire con loro relazioni dirette a rafforzare il passaparola online e offline.

Non si può fare a meno di un piano editoriale che tenga conto degli interessi del proprio pubblico. È qui che entra in gioco il Social Media Editor che individua la tipologia di contenuti ideali, lavora insieme a grafici, fotografi e videomaker per realizzarli, e infine progetta il calendario editoriale per la pubblicazione.